[indietro]

Le spiagge

Lungo i diciassette chilometri di costa del territorio di Ostuni, in un meraviglioso gioco di colori, si snodano lunghe spiagge con dune coperte da macchia mediterranea e un alternarsi di calette sabbiose e costa rocciosa. Il litorale di Ostuni oggi rappresenta una delle località di maggiore attrazione turistica balneare della puglia. Le strutture ricettive presenti, tra villaggi, campeggi, residences, appartamenti per vacanze, presentano una tipologia di offerta delle più complete, capace di soddisfare le più svariate esigenze dei turisti.

PILONE - un tratto di costa sabbiosa con alte dune coperte da ginepri secolari, dominata dalla torre di avvistamento aragonese di San Leonardo del XVI secolo. Per il suo elevato valore ambientale dovuto alla presenza di habitat considerati dall'UE di importanza comunitaria, attualmente è divenuta riserva naturale regionale.

 

 

 

 

 

 

ROSA MARINA - un susseguirsi di piccole spiagge di sabbia, tra la macchia mediterranea, dove negli anni '60, tra pareti a secco, gli oliveti secolari ed il mare, sorse un vasto insediamento turistico di importanza internazionale (nel villaggio residenziale è possibile entrare solo se muniti di tessera).

MONTICELLI - sulle alte dune che danno il nome alla località, è possibile trovare un'atmosfera tranquilla e familiare. 

Nell'area sono state ritrovate testimonianze di un villaggio dell'età del bronzo.

 

VILLANOVA - lì dove sorgeva l'antica Petrolla, poi ribattezzata Villanova, è presente un porticciolo, approdo per le barche dei pescatori e natanti da diporto; suggestiva è la torre-castello del XVI secolo che domina il porto.

COSTA MERLATA - così chiamata per la linea di costa estremamente frastagliata, con il mare che si insinua tra gli anfratti di una costa rocciosa formando singolari ed intime calette sabbiose.

 

 

 

 

 

 

SANTA LUCIA - TORRE POZZELLE - una costa d'incomparabile bellezza per la sua natura selvaggia e incontaminata. un succedersi di insenature protette da alti scogli, dove gli ormai rari ginepri secolari lambiscono il mare; così chiamata per la presenza di una torre di avvistamento risalente al XVI secolo.